Come dimagrire la pancia

Come dimagrire la pancia e quindi ridurre il grasso addominale è una delle parole chiavi più cercate della rete. Migliorare il proprio aspetto viene spesso tradotto nel dimagrire ma non sempre è la bilancia lo strumento giusto per dire se stiamo perseguendo l’obiettivo.

I fattori che determinano il peso del corpo sono diversi, alcuni sono più influenti di altri, in certi casi possiamo controllarli mentre in altri dobbiamo rassegnarci a quello che madre natura ci ha fornito.

Prima di porsi il problema di come dimagrire la pancia è opportuno considerare nel dettaglio da cosa è influenzato il peso del corpo:

  • Peso dello scheletro: è molto influente, chi ha un’ossatura più grande e densa avrà, a parità di altre condizioni, un peso superiore
  • Massa grassa: è mediamente influente. Non tutti sanno che il grasso, se sciolto e messo in acqua, tende a galleggiare, quindi pesa poco addirittura meno dell’acqua.
  • Acqua: dato che l’organismo ne contiene un’alta percentuale è un fattore assolutamente influente
  • Tossine e scorie metaboliche: se non smaltite oltre a portare vari problemi all’organismo contribuiscono all’aumento del peso.
  • Massa magra: è influente, il suo peso è a parità di volume maggiore della massa grassa

Spesso accade che trasformando la massa grassa in massa magra sia possibile risolvere il problema di come dimagrire la pancia ma non è detto che a questo corrisponda un calo di peso. In definitiva dimagrire significa “diventare magri” ovvero “perdere grasso”, questo si ottiene tramutando la massa grassa in massa magra, il peso conta poco.

Come dimagrire la pancia eliminando le tossine

Dato che sullo scheletro è impossibile intervenire, per perseguire l’obiettivo di diventare magri è necessario ridurre il liquidi trattenuti e le tossine.

A questo scopo arrivano in nostro soccorso alcuni prodotti progettati utilizzando sostanze vegetali che agiscono su più fronti, vediamoli in dettaglio:

  • Prodotti termogenici: L’organismo umano può essere un sistema termodinamico ossia capace di trasfomrare la massa del cibo ingerito in energia. Questa viene utilizzata in parte per le funzioni vitali e in parte viene accantonata sotto forma di grasso. La termogenesi (generazione di calore) su cui agiscono i termogenici , si riferisce alla produzione di calore da parte dell’organismo, quella primaria genera energia pronta all’uso mentre quella “facoltativa” genera energia termica da smaltire quindi permette di evitare l’accumulo di grassi e di consumare quelli presenti.
  • Fibre: Attraverso le vie fisiologiche quotidiane vengono smaltiti i grassi mobilizzati e le scorie metaboliche in essi contenute. Queste sostanze aiutano perchè aumentano il transito intestinale dando alle feci una consistenza media, ne aumenta il volume utilizzando l’acqua (riducendo la ritenzione idrica) e inglobando le tossine e le scorie in modo da eliminare in un colpo solo grassi, scorie e parte dei liquidi in eccesso
  • Barrette energetiche: ovviamente devono essere di ottima qualità. Questi  snack da “sgranocchiare” durante la giornata , non danno calorie inutili che si aggiungono alla quantità di cose da eliminare. Danno energia e tolgono  la sensazione di fame tra i pasti principali, apportano proteine nella giusta quantità.

Se ti stai chiedendo come dimagrire la pancia, se vuoi approfondire gli argomenti trattati in questo articolo e non ne puoi più di sperimentare diete non sostenibili nel tempo intervieni sulla termogenesi, aiuta il tuo organismo a smaltire meglio i grassi e riduci il senso di fame tra i pasti principali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Log in